OPEN DAY NOVEMBRE 2021

Sabato 6 e 13 novembre il Collegio Ballerini propone due OPEN DAY per genitori e ragazzi interessati a conoscere la nostra scuola e la proposta didattica ed educativa 2022-2023.

Clicca la Scuola che ti interessa per accedere al modulo di prenotazione dedicato (prenotazione obbligatoria).

N.B. I nostri OpenDay sono organizzati in presenza, nel pieno rispetto dei regolamenti vigenti e con la massima attenzione alla situazione sanitaria. In particolare ricordiamo che, per accedere, gli adulti devono esibire il GreenPass (D.L.122/2021).

sabato 6 novembre 2021
a partire dalle ore 9.00

sabato 13 novembre 2021
a partire dalle ore 9.00

INCONTRO CON FRANCO CARDINI

Martedì 26 ottobre la classe 3 liceo, insieme ad una classe dell’Istituto Candia, parteciperà nel nostro saloncino all’incontro con lo storico FRANCO CARDINI.

L’incontro sarà trasmesso in streaming dalla nostra scuola per le scuole del territorio e per le persone che si iscriveranno al link www.amoreperilsapere.it/eventi/occidente-e-islam

Per chi lo desidera è possibile acquistare il libro del professor Cardini presso la segreteria.

“VI HO CHIAMATO AMICI”

Il nostro Istituto, in collaborazione con gli altri Collegi Facec, con il Collegio Villoresi e con la Comunità Pastorale “Pentecoste” di Cesano Maderno, ha organizzato tre Webinar sul tema della Proposta Pastorale dell’Arcivescovo per l’anno in corso: “Unita, libera e lieta. La grazia e la responsabilità di essere Chiesa”.

Gli incontri prendono titolo “Vi ho chiamato amici” (Gv 15,15) e si svilupperanno in forma di riflessioni spirituali, tenute da altrettanti responsabili della Curia Arcivescovile, che ci accompagneranno nella lettura di brani del Vangelo di Giovanni, attorno al quale la Proposta Pastorale si sviluppa.

È un’occasione importante di formazione e di riflessione, offerta a tutti i genitori, ai docenti e più in generale alle figure educative che vivono le nostre Scuole e le nostre realtà pastorali. Invitiamo a dare la massima diffusione anche a familiari e conoscenti potenzialmente interessati.

Il collegamento può avvenire tramite QR-Code o Link in locandina (nella pagina o scarica pdf).

NEL RICORDO DI DON LUIGI SCHIATTI

UN SACERDOTE VERO

Prima ancora di arrivare al Ballerini avevo sentito parlare di quella strana coppia, il bianco e il nero, che guidava il prestigioso Collegio di Seregno. Arrivato al Ballerini nel 2011, da un anno don Luigi aveva lasciato il ruolo di rettore e ho faticato a far coincidere la persona che avevo accanto, un confratello anziano, ricco di sapienza, mite e gentile, con la figura che emergeva dai racconti di docenti e di alunni.
Certamente don Luigi è stato un rettore severo, esigente, autorevole. Rigoroso innanzitutto con sé stesso e poi con i suoi collaboratori. Ma era la prima facciata di don Luigi. Dietro si nascondeva un uomo che aveva compreso il segreto della gioia cristiana. Alla mia domanda come fosse riuscito a fare il rettore per 36 anni, mi rispose: “mi ha salvato l’essere prete”.
Ecco nel sacerdozio ritrovo tutta la verità della persona di don Luigi. Tra i tanti preti incontrati nella mia vita è stato colui che mi ha mostrato una più forte e sicura coscienza del suo essere sacerdote. Amava tutto quello che riguarda la vita da prete: pregare, meditare, adorare, celebrare messa, confessare, predicare. L’unica sua distrazione era qualche partita di calcio alla televisione, se non aveva impegni sacerdotali. In uno degli ultimi suoi appunti scrive: “ho vissuto i miei tanti, tanti anni di ministero sacerdotale con l’impegno di essere… “sacerdote”, cioè con il desiderio vivo di essere a servizio del popolo di Dio per quanto riguarda i rapporti con Dio”.
Amava la compagnia e aveva a cuore la fraternità sacerdotale. Ha vissuto gli ultimi anni circondato dall’affetto della famiglia Carrus, dalla devozione e dall’amicizia di tante persone, assistito in particolare dal suo fidato Antonio Mariani.
Apparteneva ancora a quella generazione di sacerdoti per cui la grammatica è una prova dell’esistenza di Dio. Da studioso difendeva la logica e la razionalità del pensiero cristiano, ma nello stesso tempo aveva un cuore di bambino che con una dolcezza infinita si affidava a Dio. Tra le ultime frasi che mi ha rivolto: “Eccomi! Ma come è difficile dirlo!”.
Si firmava prete felicissimo, e così lo voglio ricordare oggi che è in Paradiso nella gioia dei santi e dei beati.

Don Guido Gregorini, Rettore del Collegio Ballerini

Messaggi ricevuti

In molti, ognuno a proprio modo, hanno espresso il loro ricordo e il loro grazie. Ne riportiamo solo alcuni, fra i tanti…

Reverendo e caro Rettore don Guido,
mi arriva la triste notizia della morte di Mons. Luigi Schiatti. Rimango profondamente addolorato, perché eravamo intimamente amici e cordialissimi fratelli.
Già compagni di studi, insieme ordinati preti da S. Paolo VI, e poi educatori in Seminario a Seveso e a Venegono, abbiamo vissuto anni bellissimi, collaborando anche per alcune iniziative formative di contenuto teologico presso il caro Collegio Ballerini.
Partecipo al dolore dei Familiari e del Collegio da lui tanto amato e sapientemente servito.
Assicuro la mia preghiera di suffragio per la sua anima bella e gentile, ricca di generosa sensibilità pastorale e di attenzione alle vocazioni sacerdotali e religiose, e per il cristiano conforto dei parenti.     (Gervasio Gestori, vescovo) 

PRETE FELICISSIMO
Sono stato alunno (1974), docente (1988), vicerettore (1991) e preside (dal 2000 ad oggi) del Collegio Ballerini, che per me significa di don Luigi Schiatti.
Alunno dalla seconda media alla maturità: “terrore” degli alunni, temuto e rispettato anche dagli studenti delle superiori.
Docente: mi ha assunto lui: ottimo fiuto (forse esagero), enorme riconoscenza.
Vicerettore: capo esigente, vulcano di idee, sempre innovativo.
Preside: grande stima e fiducia, ricambiate reciprocamente.
In questi 47 anni ho apprezzato soprattutto l’uomo (forte, schietto e comprensivo) e il sacerdote (innamorato di Gesù e devoto a Maria). Don Lugi Schiatti, il Bianco, colore preferito il verde, segni particolari prete felicissimo, ora beatissimo!     (Roberto Pagani, Dirigente Collegio Ballerini)

UN RICORDO DEI DOCENTI DEL BALLERINI
Don Luigi ha sempre considerato il Collegio Ballerini la sua famiglia e la sua casa.
Per 36 anni è stato Rettore e anche dimesso l’incarico ha scelto di rimanere ad abitare in Collegio sino agli ultimi giorni. Un grande debito abbiamo tutti nei suoi confronti.
Ha svolto il suo compito di Rettore con forza, autorevolezza e rigore.
Temuto e rispettato da docenti e alunni, ha saputo prendere decisioni coraggiose facendo crescere il Collegio che giunse negli anni d’oro a superare i mille studenti. Più di trenta anni fa ha intuito la potenzialità dell’Istituto Alberghiero e ne ha fortemente voluto la nascita.
Chi l’ha conosciuto bene sa che dietro la forte personalità di don Luigi si nascondeva un sacerdote umile, dotato di grande generosità e profondamente animato dal desiderio di far amare Gesù. Ricercato confessore, guida spirituale, predicatore appassionato, sentiva l’urgenza di guidare le persone a Dio, distribuendo continuamente testi di spiritualità scritti da lui e mettendosi a disposizione per incontri personali o comunitari.
A noi docenti don Luigi ha insegnato l’importanza della correttezza, della serietà e dell’autorevolezza nel lavoro a scuola. Non solo. Ci ha educato alla ricerca dell’essenziale nel cammino spirituale e alla bellezza della vita cristiana. Lo ricordiamo soprattutto come prete felice, sacerdote che ha santificato con la sua testimonianza la vita di molti.

Un prete, veramente prete. Ora dal cielo avremo un altro “santo” da invocare: non solo il patriarca Ballerini, ma anche don Luigi Schiatti. (Gian Luigi Frova, ex-Rettore)

Caro don Luigi, la tua morte lascia un grande vuoto in tutti noi, ne è testimonianza la fiumana di persone che sono venute davanti la tua bara per porgerti un saluto e per dirti un “grazie” perché la fiammella che hai acceso in tanti cuori, forse anche inconsapevolmente, continua ancora a bruciare.     (Stefano Tramezzani, Vicerettore Liceo)

Caro don Luigi,
eri solito salutarci con un “Pregate per la mia conversione”, adesso siamo noi a chiedertelo, prega per la nostra conversione… e per tutto il tuo Ballerini!     (Elisabetta Silva, Vicerettore Primaria)

Don Luigi ha intuito la potenzialità dell’Istituto alberghiero e ne ha fortemente voluto la nascita. Ricordo che quando l’alberghiero ha compiuto i 25 anni di vita in uno scambio di battute fra noi dissi: “Chi l’avrebbe mai detto nel 1988? 25 anni …” e lui “Noi certamente …” ecco lo ricordo così… sorridente e felice.     (Giovanni Guadagno, Vicepreside Istituto Alberghiero)

Don Luigi è presenza nel cuore di tanta vita, di numerosi insegnamenti, di esempi, di consigli e di instancabile scuola di rettitudine morale e spirituale. La sua energia, ora avvolta e congiunta nell’eterna Essenza di Dio, sarà sempre il faro che aprirà la breccia con la luce della speranza, della fede e dell’Amore.     (Letizia Citterio)

Ci sono persone che nella vita di altre lasciano un segno indelebile: così Lei per me don Luigi.
Ho imparato lavorando con Lei l’importanza della correttezza, della serietà e da ultimo il valore dell’autorevolezza. Mi mancheranno le chiacchierate degli ultimi anni, mi mancheranno le Sue parole, mi mancherà la Sua presenza.     (Sonia Vanotti)

Chi l’ha conosciuto bene sa che dietro la forte personalità di don Luigi si nascondeva un sacerdote umile, dotato di grande generosità e profondamente animato dal desiderio di far amare Gesù. Non era raro vederlo, dopo le riunioni che terminavano tardi, prendere straccio e detergente per pulire il tavolo di lavoro, così da farcelo trovare splendente il mattino successivo. Missionario in patria, sentiva l’urgenza di guidare le persone a Dio, distribuendo continuamente testi di spiritualità e mettendosi a disposizione per incontri di formazione. A me don Luigi ha insegnato la ricerca dell’essenziale, nella vita spirituale e nel mio lavoro di docente, e mi ha educato alla bellezza della vita cristiana nella dimensione lavorativa.     (Sofia Mariani)

Ho conosciuto don Luigi ancora prima di arrivare in Collegio.
Ho conosciuto il sacerdote felicissimo innamorato di Gesù e di San Paolo, che mi ha insegnato l’importanza dell’essere testimoni, dell’essere sale della terra e luce nel mondo.
Poi al Ballerini ho conosciuto un don Luigi sotto la veste di sacerdote-imprenditore che, fino a che la salute gliel’ha concesso, è stato capace di intessere una rete con gli imprenditori di Seregno e di tutta la Brianza per il bene del Suo Collegio.
Ricordo il suo “ma io non me ne intendo di contabilità” che riusciva a far quadrare tutto e il suo “ma quando sarò in Paradiso!….”
Ora c’è e me lo vedo in compagnia di don Attilio (primo presidente Facec) che ci sorridono e che pregano per noi. Mitici!     (Loredana Galimberti)

Carissimo don Luigi,
non possiamo mancare, a modo nostro, a questo saluto che oggi le fa la Chiesa che è in Seregno.
Vogliamo dirle il nostro GRAZIE come comunità, perché non solo chi è stato da lei accompagnato al Carmelo sente il desiderio di esprimere una grande riconoscenza: il suo amore, infatti, si allargava a tutte le sorelle, con tanta simpatia anche per quelle che veniva a conoscere lungo gli anni.
Lei è sempre stato presente in modo discreto ma efficace. Ha accompagnato le sorelle fino alla porta di ingresso del monastero, sollecitando in loro la piena fiducia nelle formatrici a cui le affidava, rimanendo sempre disponibile anche da lontano con gratuità e distacco.
Il suo amore a Gesù era contagioso: non solo con le parole, ma proprio con la sua vita felice trascinava ad amarlo sempre più intensamente. Era bello il suo modo di mettersi accanto a chi accompagnava nello spirito con tanto ascolto, pazienza, e una misericordia piena di incoraggiamento. Trasmetteva lo sguardo del Signore che fa sentire amati, pacifica il cuore e spinge a passi ulteriori.
Continui a vegliare su tutti coloro che ha guidato a Gesù e non si dimentichi della nostra comunità. Grazie!     (Le Carmelitane scalze di Ferrara)

Don Luigi schiatti ha sempre considerato il testo scritto strumento indispensabile per il pensiero, innanzi tutto per dare ordine alle idee, fermandole in punti e passaggi, poi per poterlo conservare e diffondere, consentendo ad altri di percorrerlo e condividerlo. Per lui la scrittura è stato esercizio quotidiano, allenamento della mente, finché le forze glielo hanno permesso (e anche un po’ oltre…). Da questo costante lavoro, durante gli anni trascorsi da “Rettore emerito”, è nata la collana “Gocce”, agili libretti spirituali (autoprodotti) che potete trovare raccolti in versione digitale sul sito issuu.com.

Vi invitiamo a visitare la pagina di issuu anche in futuro. Infatti, nei prossimi mesi, la collana verrà integrata dagli ultimi scritti completati da don Luigi e lasciati ordinati e pronti per essere editati; renderli disponibili a tutti sarà anche questo un modo per ricordarlo.

Dal suo ultimo scritto sul mistero del Natale

«Sono un semplice sacerdote, anziano e senza specifiche competenze teologiche. Però ho vissuto i miei tanti, tanti anni di ministero sacerdotale con l’impegno di essere… “sacerdote”, cioè con il desiderio vivo di essere a servizio del popolo di Dio per quanto riguarda i rapporti con Dio. Così presenta il sacerdote la lettera agli ebrei: “Ex hominibus assumptus, pro hominibus costituitur in iis quaesunt ad Deum…”. È un latino facile: il sacerdote è scelto tra gli uomini (quindi è anche lui un uomo come gli altri) e ha il compito di curare i rapporti del popolo di Dio per quanto riguarda i rapporti con Dio stesso. Nella mia lunga esperienza sacerdotale ho costatato tante volte che uno dei compiti fondamentali del sacerdote è quello di aiutare i fratelli a conoscere la Parola di Dio e aiutarli a viverla con discreto impegno. E ad amare la Chiesa vivendo la vita stessa della Chiesa, che è prima di tutto la liturgia».

IL SUO TESTAMENTO SPIRITUALE

Un lungo e profondo “Grazie!” al Signore…
“…per il dono della vita e delle vicende umane (…): persone, ambienti, situazioni, fatti, avvenimenti e circostanze…”, per i suoi genitori e la sua famiglia.
“Il secondo grande motivo (…) è il dono divino del sacerdozio. È bello ed esaltante essere prete!”; per questo poteva firmarsi “prete felicissimo”.
“…per gli anni vissuti a Seregno, nel mio carissimo collegio Ballerini…”; era il 1982 e ancora molti sarebbero stati gli anni balleriniani. Noi lo ringraziamo per tutto l’affetto e la cura per la nostra scuola.

Abbiamo voluto riportare il documento olografo, pagina per pagina; l’ordine e precisione della scrittura consentono di cogliere pienamente l’attenzione e la puntualità del pensiero.

IFTS FOOD

Diventa un professionista con competenze evolute per la valorizzazione del settore ristorazione, food&beverage e ospitalità.

Il corso prevede laboratori di produzione, analisi sensoriale, comunicazione, tecnologie e digitale per un profilo lavorativo pronto ai cambiamenti.

L’iniziativa è realizzata con il supporto diretto di associazioni di categoria e imprese del settore.

CARATTERISTICHE DEL CORSO

Corso I.F.T.S. gratuito per studenti diplomati di età inferiore a 29 anni

Assetto duale: 500 ore didattiche e 500 ore in impresa
Periodo e durata: da novembre 2021 a giugno 2022
Certificazione: 4° livello E.Q.F. – 60 crediti europei E.C.V.E.T.

Selezione dei candidati: presso Collegio Ballerini nei giorni venerdì 24 settembre, 8 e 22 ottobre dalle ore 14.30 alle ore 17.30 previo appuntamento da concordare scrivendo a alberto.somaschini@collegifacec.it.

MODULI FORMATIVI

  1. Formazione abilitante al lavoro
  2. Sociologia dei consumi e nella comunicazione
  3. Legislazione ed economia di settore
  4. Protocolli e protezione delle qualità del food
  5. Food circular economy management
  6. Wine management e production
  7. Food & Beverage Management
  8. Event Management
  9. Analisi sensoriale applicata
  10. Start up di settore
  11. English for food & business (in inglese)
  12. ICT for business development (in inglese)
  13. Artificial Intelligence e Blockchain per il food (in inglese)
IFTS APP DEVELOPER

Il corso è pensato per chi vuole apprendere competenze innovative altamente spendibili nel settore IT e dello sviluppo di app per iPhone e iPad di Apple. Il mercato tech-based in Italia ha subito un incremento notevole: dall’anno 2019 in Italia sono attivi più smartphone che televisori.

Il mercato delle tecnologie vede le primarie imprese del settore orientate alla creazione di nuovi spazi di business nel mondo dei servizi fruiti dai dispositivi mobili. Particolare attenzione sarà data al linguaggio Swift/X-Code, tipico di Apple, competenza fortemente ricercata dalle imprese. I corsisti in uscita  apprenderanno le competenze più spendibili nel settore informatico ricoprendo mansioni sia di progettazione che di design.
La figura in uscita da questo corso ha competenze generali e specifiche che potrà maturare anche grazie a laboratori esperienziali e a uno stage curriculare di circa 3 mesi all’interno di aziende del settore tecnologico.
Al termine del percorso formativo, si potrà conseguire il titolo di studio “Certificato di Specializzazione Tecnica Superiore” riconosciuto su tutto il territorio nazionale ed europeo (IV livello EQF).
Il corso è totalmente gratuito. L’intervento è realizzato nell’ambito delle iniziative promosse dal Programma Operativo Regionale cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo.

Per informazioni e iscrizioni vai alla pagina dedicata sul sito di ETAss, ente organizzatore.

EX ALUNNI

Carissima/o ex alunna/o,
dopo una breve pausa di aggiornamento la nostra gallery torna arricchita dagli ultimi arrivi.
Scorri volti e storie di chi ha frequentato la nostra scuola e AFFRETTATI A PARTECIPARE? Invia una mail con un tuo selfie (scattato in ambito professionale o familiare), che ti racconta oggi.

Caratteristiche dell’immagine:
– sfondo significativo
– buona qualità

Completa la tua mail con:
– nome e cognome
– periodo di frequenza (tipo: al Ballerini fino al…)
– professione
– breve messaggio (max 30 parole) con, a tua scelta, notizie, saluto, ricordo…

Indirizza il tutto al settore che hai frequentato:
– PRIMARIA   elisabetta.silva@collegifacec.it
– MEDIE   luca.giancristofaro@collegifacec.it
– LICEI   stefano.tramezzani@collegifacec.it
– ALBERGHIERO   giovanni.guadagno@collegifacec.it

Ti aspettiamo! Grazie.

La vostra gallery aggiornata. Grazie della partecipazione!
Vi aspettiamo sempre più numerosi!